Il Blue District di Genova è un polo di connessione per sviluppare idee, start up e competenze innovative legate all’economia del mare.

Un luogo pensato per coniugare formazione, ricerca, business, uno spazio inclusivo nel quale le grandi aziende del mare potranno arruolare nuovi talenti e tecnologie. Avrà anche la funzione di dialogo con la città e non solo con gli addetti ai lavori: compito del nuovo centro è anche di intercettare i bisogni di Genova e di avviare i processi di innovazione che si possono legare alla città e alla sua economia; diventerà dunque uno show room dell’innovazione per mettere in luce opportunità formative e le novità che rivoluzioneranno il settore nei prossimi decenni.

Federico Descalzo, Direttore Operativo di Netalia, in questo intervento pone l’attenzione sui possibili ambiti della Blue Economy in cui il cloud computing può davvero abilitare la trasformazione digitale con risvolti di grandissima risonanza per l’intero Paese.

Altro aspetto rilevante su cui pone l’attenzione riguarda una compatibilità ed una “Digital Readiness” dell’ecosistema economico che non è da sottovalutare affinché la trasformazione vada a buon fine.

“Il vero tema del Cloud è capire, governare il dato e le informazioni e quindi la titolarità e la modalità con cui questi dati vengono sfruttati poi per realizzare del business e delle applicazioni”. Così Descalzo solleva la delicata questione di bassa consapevolezza su quali dati vengono messi a disposizione da parte dell’utente finale, dalle imprese e dalle organizzazioni pubbliche. Queste ultime infatti rischiano troppo spesso di recuperare i propri dati da sorgenti sempre meno tracciate ed affidabili.

Questi due spunti evidenziano come l’utilizzo di nuovi modelli tecnologici deve essere supportato da competenze in grado di valutare benefici, impatto e ricadute.

La proposta di Netalia porta in primo piano gli aspetti di compliance normativa e la traccibilità giuridica del dato come elementi strategici per la valorizzazione degli asset del nostro paese.

Vai al video >>