BB Tech group e Netalia: un accordo per rispondere al mercato con soluzioni in cloud personalizzate

by

3 maggio 2016

Il Distributore Indipendente di soluzioni IT e il Cloud provider, entrambi rivolti al mercato enterprise, ora collaborano per offrire soluzioni in cloud.

Logo BB TEHC GROUPBergamo/Genova, 3 maggio 2016 – «La nostra missione è rispondere in modo adeguato e concreto alle esigenze dei nostri rivenditori affinché possano garantire ai loro clienti finali servizi e soluzioni rispondenti alle richieste». Lo afferma Giampaolo Bombo, CEO di BB Tech Group, distributore europeo indipendente di soluzioni IT per il mercato enterprise. «Se vogliamo essere coerenti con la nostra identità e mantenere non solo la promessa, bensì i nostri elementi distintivi rispetto ai competitor, dobbiamo essere in grado di offrire ai Reseller delle soluzioni a valore aggiunto che rendano competitivo il servizio offerto. Per questo abbiamo stretto un accordo di collaborazione con Netalia che ci consente a livello nazionale di offrire soluzioni in cloud pacchettizzate».
BB Tech Group, azienda con sede a Bergamo in fase di forte espansione, seleziona accuratamente i brand migliori del mercato per offrire un servizio garantito, ben assistito ed eccellente a livello qualitativo. Caratteristiche, queste, proprie di Netalia, Cloud provider italiano che propone soluzioni per le imprese.

Molti sono gli elementi comuni che motivano l’accordo tra le due aziende: operare indirettamente attraverso rete di Partner, garantire qualità del servizio e assistenza, affiancare i clienti nel raggiungimento di obiettivi di efficienza ed efficacia, essere innovativi, scegliere e adottare i brand con una buona reputazione sul mercato.

«Prosegue per Netalia l’attività di espansione commerciale attraverso i diversi canali e l’accordo appena siglato con BB Tech Group rappresenta un importante punto di accesso al mercato delle piccole imprese, dove un’offerta ad alto valore come quella del cloud di Netalia trova il giusto target», commenta Michele Zunino, amministratore delegato di Netalia, cloud service provider italiano con sede a Genova.

A pochi giorni dalla firma che dà inizio alla collaborazione, BB Tech e Netalia hanno proposto un progetto congiunto per il backup in cloud di un’organizzazione distribuita capillarmente sul territorio nazionale su diverse centinaia di sedi.

Leggi l’articolo di 01Net.it

5 cose che non sapevi sul cloud (e che possono cambiare il tuo business)

by

08 aprile 2016

Pubbli_Netalia-1024x623Il passaggio al cloud è una delle riflessioni più pressanti per l’IT aziendale: ci sono almeno 5 buoni motivi per affrontarlo, dalla maggior efficienza al minor consumo energetico, senza scordare la sicurezza.

Un’anteprima della doppia pagina di Digitalic dedicata a Netalia nello speciale Cloud di aprile. Scopri come cambiare il tuo business con il Cloud: 5 cose che non sapevi sul cloud (e che possono cambiare il tuo business)

Il Cloud è un “porto sicuro”? Sì, con regole chiare e condivise

by

24 novembre 2015

Ormai è assodato, la Corte Europea di Giustizia ha bocciato il Safe Harbour stabilendo che l’accordo internazionale non tutela a sufficienza i dati dei cittadini dell’Unione Europea. La decisione è stata ratificata in Italia dal Garante per la privacy che, il 6 novembre scorso, ha dichiarato decaduta l’autorizzazione emanata a suo tempo.

Questa decisione storica ha già iniziato a delineare un effetto a catena nel mondo della gestione e del trasferimento dei dati.

Per circa 15 anni – dal 2000 fino al mese scorso – il Safe Harbour ha rappresentato la soluzione di compromesso, un accordo estremamente utile che ha permesso alle aziende statunitensi di trasferire i dati dei cittadini europei nei Data Center in tutti gli Stati Uniti, dove le leggi sulla privacy sono più permissive, rispettando soltanto degli “standard sulla privacy” indicati dell’Unione Europea.

Le aziende che desideravano spostare una quantità maggiore di dati dovevano semplicemente dichiarare di sottoscrivere sette principi guida su come i dati venivano trattati, ma la sentenza della Corte di Giustizia Europea ha inviato un messaggio forte in base al quale i diritti di privacy degli utenti devono essere sanciti dalla legge e non abbandonati a una sorta di “autocertificazione”.

Che cosa vuol dire tutto questo per il mondo del Cloud?

Oggi le aziende che si affidano al libero trasferimento dei dati tra la EU e gli USA si trovano in una posizione difficile.

Da subito si è pensato che l’impatto maggiore avrebbe riguardato i vari social media basati in US ma, in realtà, organizzazioni come Facebook e Google hanno reagito rapidamente e hanno già affrontato la questione all’interno delle proprie organizzazioni.

Le ripercussioni sono in realtà maggiori e coinvolgono un numero consistente di imprese di piccole, medie e grandi dimensioni: dai servizi di file sharing nel Cloud come Dropbox, ai vari Cloud service provider, ai retailer che operano a livello globale e a qualsiasi altro business basato negli Stati Uniti che in qualche modo gestisca, archivi o abbia a che fare con i dati dei cittadini europei.

Se già le aziende guardavano con diffidenza all’utilizzo di servizi Cloud per paura di falle nella sicurezza e inadempienze nel rispetto delle normative, in questo periodo di transizione è indispensabile correre ai ripari. Da fine gennaio 2016, infatti, le aziende che continueranno a trattare dati italiani o europei secondo le regole del Safe Harbour incorreranno nelle sanzioni.

Mentre Stati Uniti e UE lavorano intensamente a un nuovo framework che offra maggiori salvaguardie per i dati europei e che comprenda, tra l’altro, la revisione dell’accordo su base annua, le aziende devono controllare attentamente le garanzie offerte dai propri fornitori Cloud o riorganizzarsi per assicurare la permanenza dei dati sul territorio europeo.

Un dato è certo, la decisione della Corte EU ha portato di nuovo alla ribalta il problema del controllo sull’ubicazione dei dati e ha implicato un aumento della complessità della gestione della sicurezza digitale su scala globale, con le imprese – in particolare le PMI – che non potranno, da sole, sostenere il peso di questi cambiamenti.

In uno scenario IT che diviene ogni giorno sempre più “liquido” è estremamente complesso definire con esattezza quali siano i dati sensibili da tutelare e comprendere in ogni attimo dove si trovano esattamente, come recuperarli, come sono gestiti, da chi e cosa possono rivelare o meno.

Per questo la cautela nella scelta del fornitore del servizio è sempre più rilevante, insieme alla necessità di definire livelli di servizio adeguati in termini di sicurezza e regole chiare e condivise.

Netalia ha scelto di dislocare la propria infrastruttura esclusivamente in Italia, per assicurare a Partner e Clienti la massima sicurezza nella rispondenza alle normative, anche per settori verticali particolarmente sensibili come il sanitario e la Pubblica Amministrazione. Inoltre, grazie alle caratteristiche del Cloud Netalia, in cui il servizio fornito si appoggia direttamente all’infrastruttura e non è associato direttamente a nessun server hardware dedicato al singolo Cliente, può proporre una soluzione di Cloud puro. Il Cliente usufruisce delle elevate caratteristiche di sicurezza, efficienza e affidabilità senza doverne mai affrontare l’elevata complessità, in un’ottica di semplificazione della complessità dei sistemi informativi delle medie e grandi imprese operanti sul territorio italiano.

di Michele Zunino, CEO di Netalia

Leggi l’articolo di Data Manager Online
Leggi l’articolo di BitMat
Leggi l’articolo di B2B Oresette

Il Cloud secondo Netalia

by

09 novembre 2015

Netalia sulla stampa di settore. Gli ultimi articoli.

IMG_1157 image1 IMG_1163 IMG_1160

Webinar “Oltre la nuvola: il Disaster Recovery in Cloud”

by

30 ottobre 2015

Logo_Netalia_VMSistemiOggi si è tenuto il webinar “Oltre la nuvola: il Disaster Recovery in Cloud”, in collaborazione con il nostro partner VM Sistemi. Chi si fosse perso la diretta, può rivedere qui la registrazione: Webinar_oltre la nuvola_il disaster recovery in Cloud

L’incontro, della durata di 60 minuti circa, si è focalizzato principalmente sull’approfondimento tecnico del Disaster Recovery in Cloud, con un focus sulla soluzione di Netalia implementata su tecnologia Zerto. A completamento dei lavori, una breve presentazione di come VM Sistemi e Netalia siano in grado di rispondere alle diverse esigenze delle aziende, attraverso soluzioni basate sulla tecnologia Cloud, per garantire la continuità del business.

 

Il Cloud è il nuovo web

by

A cura di Michele Zunino, CEO di Netalia

Sono trascorsi più di 20 anni dall’avvento di Internet ma oggi ma sembrano essere passati secoli da quando inserivamo i floppy disc per salvare i dati o eravamo abituati ad attendere oltre un minuto per il caricamento di una pagina web.

Oggi viviamo nella società dell’informazione, che ha fatto di Internet la sua infrastruttura portante. In questo scenario, lo sviluppo della rete ha cambiato notevolmente il nostro modo di relazionarci con il mondo e il modo attraverso il quale elaboriamo le informazioni. Il web, infatti, ci ha dato la possibilità di imparare, conoscere, sbagliare e riprovare, ed è divenuto il catalizzatore della trasformazione e dell’innovazione trasformandosi in quello spazio dove si può confrontarsi e condividere idee, progetti e pensieri per cambiare lo stato presente delle cose e promuovere l’innovazione.

Il web è sempre più integrato nella vita quotidiana di ciascuno di noi, con la presenza pervasiva di queste informazioni, contenuti e servizi, distribuiti attraverso la rete Internet e fruiti in ogni momento della nostra giornata: a casa, in ufficio e in mobilità.
Questo è lo scenario sempre più esteso e complesso dove gli oggetti in rete si moltiplicano costantemente. Si tratta del famoso “Internet of Things”, cresciuto in Italia fino ad arrivare al valore di 1,55 miliardi di euro, secondo i dati dell’Osservatorio Italiano Internet of Things, e che nel 2014 contava già oltre 8 milioni di oggetti connessi tramite Sim cellulare (+33% sul 2013), ai quali si aggiunge il mercato delle app che usano tecnologie di comunicazione diverse, come Wireless, WiFi e Bluetooth.
L’internet delle cose cresce in modo esponenziale ed esce dai propri confini per trasformarsi in quello che possiamo oggi definire un “Internet of Everything” che connettendo dispositivi, persone, dati e processi produttivi, influenza e influenzerà in futuro aspetti sempre maggiori della nostra vita.

Siamo quindi giunti a un punto di svolta nella storia del web; a un livello di profondità che lo rende onnipresente e pervasivo. Quello che era nato come un approfondito sistema di ricerca e comunicazione per scopi militari, si è trasformato in un contenitore d’informazioni (web 1.0), per poi evolversi in strumento di interazione e relazione (web 2.0), un sistema che sempre più estrae informazioni personalizzate a seconda delle nostre scelte, per portarci infine verso un futuro digitale dai confini sempre più labili, dove la rete diviene parte integrante del tessuto quotidiano.

Quando si parlava di Internet, agli esordi, negli schemi e nei diagrammi pensati per spiegare la rete, spesso la si rappresentava come una grande nuvola di dati. Da qui al “cloud” il passo è stato veloce.
Il cloud computing è nato proprio da tecnologie come Internet, virtualizzazione e web, che sono state rimodellate allo scopo di creare una piattaforma di elaborazione che prescindesse da una localizzazione fisica e che fosse in grado di astrarre le risorse hardware e software impiegate. Come avviene con la connessione Internet, utilizziamo sempre più quotidianamente il cloud senza accorgercene: gmail, dropbox, gdrive, outlook sono solo alcuni dei tanti servizi che vengono erogati in cloud. Semplicemente non ce ne rendiamo conto!

In uno scenario dove il web scompare in quanto permea tutte le nostre relazioni e si trasforma in quotidianità, il cloud computing si appresta a percorrere una strada simile e rappresenta in questo momento il futuro della rete e di tutti noi, che alla rete accediamo ogni giorno.
Il cloud è la naturale evoluzione della rete perché è capace di mantenere le sue promesse di “democrazia”, garantendo disponibilità e accessibilità ovunque e in qualsiasi momento alle informazioni, in mobilità e online, l’indipendenza dalle periferiche e una maggiore sicurezza e scalabilità in base alle proprie esigenze.

Per le aziende il cloud rappresenta un cambiamento generazionale nell’evoluzione dell’IT e un’opportunità unica per acquisire un vantaggio competitivo strategico sia nella fruizione dell’IT che nell’erogazione di servizi. È la sfida da affrontare se si vuole accrescere la propria efficienza, accedere facilmente ai dati in maniera sicura, abbattere i costi di gestione, aprirsi all’esterno e ai device mobili senza rischi, con servizi personalizzati. La rivoluzione digitale, il futuro del web insomma, ora è e dovrà essere necessariamente “on cloud” e noi di Netalia, che abbiamo creduto nelle potenzialità del cloud sin dagli inizi, creando delle basi solide per poter garantire un servizio di alta qualità, vogliamo essere accanto alle aziende e accompagnarle in questo cambiamento.

Leggi l’articolo su Data Manager
Leggi l’articolo su BitMat

La sfida del cloud storage sui nuovi modelli di business.

by

netappschemaIl dato è al centro dell’innovazione tecnologica e cresce a partire da Cloud e da internet.

NetApp punta a distinguersi nel campo del Cloud e nella sua visione include anche Netalia.

Leggi qui l’articolo di ImpresaCity.

Cloud ibrido: la risposta per gestire la complessità.

by

Alberto ClavarinoIl punto di vista di Alberto Clavarino, responsabile vendite Netalia, sulla gestione degli ambienti complessi di medie e grandi imprese attraverso il Cloud ibrido.

La realtà è innegabile; i benefici offerti dalle soluzioni ibride sono unici. Unendo il meglio delle soluzioni private e pubbliche, le aziende possono garantirsi la sicurezza, la continuità e il controllo di cui hanno bisogno per i dati sensibili; sono contemporaneamente in grado di scalare rapidamente e a costi contenuti nel caso, all’ultimo minuto, si debba lanciare un nuovo servizio o una campagna di marketing.

Leggi qui l’articolo di Data Manager

Netalia e Alleantia insieme per una Internet of Things “plug&play” con il Cloud

by

14 settembre 2015

alleantiaNetalia, l’unico Cloud Provider 100% Cloud, 100% Canale, 100% Italia, e Alleantia, fra le più interessanti startup europee nell’ambito dell’Internet of Things (IoT), hanno siglato un accordo di partnership.

Attraverso questa collaborazione, la soluzione IoT di Alleantia sarà disponibile attraverso il Cloud Netalia. In questo modo le soluzioni applicative Enterprise potranno espandersi agilmente verso la Internet of Things, collegando con facilità dispositivi industriali di qualsiasi tipologia in pochi istanti, in particolare negli ambiti di Energy Efficiency, Asset Management, Manutenzione, Analytics e CRM.

L’Internet of Things è diventato ormai un elemento chiave per il business e lo sarà sempre di più nei prossimi anni. Secondo l’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano, in Italia il mercato ha raggiunto complessivamente il valore di 1,55 miliardi di euro, ed è ancora agli albori.

Abbiamo trovato in Alleantia una grande focalizzazione sulle esigenze del mondo business e una forte spinta all’innovazione. – dice Michele Zunino, CEO di Netalia – Una visione condivisa che non poteva che sfociare in una partnership per offrire alle imprese italiane tutti i vantaggi dell’IoT con la sicurezza di competenze specifiche e totale professionalità.“

Siamo molto soddisfatti di questa importante accordo dichiara Antonio Conati Barbaro, co-founder e Presidente di Alleantia. –La nostra strategia di partnership si arricchisce di un’importante collaborazione per realizzare la ‘Internet of Things as a Service’ per le aziende, supportando anche integratori partner e piattaforme evolute di CRM, Analytics, Asset Management, rendendo così i dispositivi fisici parte integrante dell’ICT aziendale”.

Le capacità di Alleantia di rendere i dispositivi elettronici ‘IoT Ready’ in pochi secondi e di integrarli con applicazioni Enterprise, e il non essere vincolata a infrastrutture proprietarie, la rende utilizzabile velocemente e con efficacia da parte di Cloud provider innovativi come Netalia per estendere la capacità della propria offerta applicativa verso soluzioni integrate IoT ‘end-to-end’, permettendo alle applicazioni di interagire con i dispositivi industriali installati ‘on premise’ dai Clienti.

Insieme, Netalia e Alleantia, offrono alle aziende l’opportunità di realizzare una Internet of Things personalizzata a beneficio dei processi aziendali interni, velocemente e con costi contenuti, con la sicurezza di compatibilità e rispondenza alle normative per settori verticali del Cloud Netalia.

Leggi qui l’articolo di TradeManager
Leggi qui l’articolo di Computer World Italia
Leggi qui l’articolo di News Impresa
Leggi qui l’articolo di Tom’s Hardware
Leggi qui l’articolo di TopTrade

Netalia, il Cloud senza paura

by

09 settembre 2015

Un bell’articolo di Cristina Mazzani presenta la visione del Cloud di Netalia. Leggilo su ZeroUnoWeb