Cloud RECOVERY.

La soluzione di disaster recovery che garantisce alta affidabilità senza costi aggiuntivi per investimenti hardware.

Alta affidabilità senza costi di infrastruttura.
Il migliore investimento per garantire continuità operativa.

Nell’IT centralizzato delle aziende moderne un disastro ambientale, o anche un semplice errore umano, possono causare perdite di dati e interruzione dell’operatività di decine o centinaia di persone. Un danno enorme in termini economici, finanziari, di cash flow, di credibilità e di affidabilità dell’azienda.

Cloud RECOVERY si usa anche in casi (più frequenti) di fault parziali, causati da virus, crash hardware secondari (come un semplice switch) o infrazioni di sicurezza; viene inoltre usato per gestire operazioni pianificate, ad esempio assicura la continuità di servizio durante upgrade o change management.

Cloud RECOVERY opera mediante tecnologie as-a-service che non richiedono investimenti hardware e assicura il ripristino del servizio operativo con tempi nell’ordine di pochi minuti, riducendo in maniera determinante il costo dell’imprevisto.

Cloud RECOVERY è lo strumento ideale per garantire continuità e sicurezza all’azienda, con alte prestazioni e costi ridotti.

Caratteristiche

  • Replica dell’intero ambiente operativo in un ambiente protetto
  • Ripristino rapido delle funzionalità
  • Tempi di sincronizzazione fino a pochi secondi
  • Configurazioni di sistema automatiche o semi-automatiche
  • Ripristino dell’ambiente completo anche su hardware diverso
  • Utile anche in caso di migrazioni, upgrade o change-management

Scheda prodotto

pdfDownload

Servizi simili

Dettagli del servizio

Cloud RECOVERY opera tramite una sincronizzazione continua del data center virtualizzato (o di parte di esso) del cliente verso l’infrastruttura Netalia, senza alcun fermo macchina e in maniera totalmente automatica e trasparente. L’intervallo di sincronizzazione determina i tempi di ripristino e l’attualità dei dati. Netalia ha scelto una soluzione che consente intervalli piccoli fino a pochi secondi.

La soluzione proposta da Netalia è completamente implementata con Zerto su VMware vSphere (vCloud).

Zerto si distingue dai normali software di replica per il fatto di essere l’unico strumento in grado di proteggere a livello di Hypervisor. Tradizionalmente le repliche vengono realizzate a livello di array, con molta rigidità, oppure tramite snapshot, con RTO elevatissimi, o addirittura a livello applicativo, con automatismi bassi e rischi elevati.
Con questa soluzione, invece:

  • La replica è Virtualization Aware, capace di gestire Virtual Machines (VM), virtual disks e virtual networks (routing, ip readdressing, dns, ed altro).
  • È agnostico verso l’hardware sottostante ed in particolare verso lo storage: possono essere protetti ambienti multipli basati su hardware completamente differenti.
  • Consente SLA molto aggressivi.
  • Consente, tramite il journal, il ripristino fino a 5 giorni nel passato.
  • Gestisce versioni diverse di vSphere, supportando vApps e vMotion.
  • Consente la creazione di gruppi di VM sincronizzate fra loro, e di stabilire ordini di avvio delle VM.
  • Consente di ripristino di situazioni compromesse grazie a recovery point multipli.
  • Consente “Offsite copy” per archiviazione storica.
  • Consente test di recovery completi senza interruzione di servizio.

L’amministratore di sistema accede ad una interfaccia di amministrazione proattiva monitorando in tempo reale lo stato delle repliche.
Nel momento di necessità, tramite l’accesso ad un portale dedicato, può attivare l’ambiente di protezione, operare per realizzare ambienti di test, o attivare l’ambiente ripristinato dopo l’evento disastroso.

ZERTO LOGO_PANTONE1807M_Red_on_White2new